SECONDO TEST OK: 4-0 AL LICATA

IMG-20190801-WA0060

Questo pomeriggio a Torre del Grifo si è svolto il secondo test stagionale del Catania in vista della nuova stagione. Alle porte di via Magenta stavolta si è presentato il Licata Calcio, neopromosso in Serie D e con una grande voglia di mettersi in mostra in una vetrina così importante seppur in un confronto amichevole.
Com’è noto, per l’occasione la società ha finalmente aperto le porte ai tifosi e ai sostenitori rossazzurri curiosi di vedere da vicino a che punto è la preparazione dei loro beniamini etnei. E infatti, come era prevedibile, la risposta è stata più che positiva, con una tributa del campo n. 2 di Torre del Grifo gremita nonostante il caldo afoso.

La gara, durata 90 minuti, ha visto gli uomini di Camplone trionfare per 4-0 con le reti di Lodi, Mazzarani, Rossetti e Curiale.
Nel primo tempo il Catania è sceso in campo con una formazione molto simile all’11 titolare della scorsa stagione, con la sola novità di Furlan fra i pali dal primo minuto in un 4-3-3 così composto:
Furlan; Silvestri, Calapai, Esposito, Marchese; Bucolo, Lodi, Llama; Sarno, Di Di Piazza, Brodic. Confermato quindi Lodi al centro della mediana nel ruolo di play basso e Llama nel nuovo ruolo di mezzala sinistra (come aveva preannunciato Camplone già nella conferenza stampa di presentazione).
Catania che parte subito col piede giusto con grande determinazione e aggressività in campo: al 2’ minuto infatti, arriva subito la prima occasione di marca etnea con il palo colpito da Marchese da fuori area. Altro legno viene poi colpito dopo circa dieci minuti, all’11esimo: sugli sviluppi di un calcio di punizione dalla trequarti battuta da Lodi, Silvestri incorna sul secondo palo (lo stesso colpito da Marchese) trovando ancora una volta il montante. Nonostante un buon avvio quindi, col passare dei minuti i ritmi calano leggermente a causa del grande caldo afoso percepito in questo pomeriggio di Torre del Grifo. Al 25’ infatti, l’arbitro fischia e manda le squadre verso le proprie panchine per un mini break. È al 34esimo che i rossazzurri tornano a rendersi pericolosi in area Licata, con una grande conclusione di Calapai e il conseguente miracolo dell’estremo difensore ospite. Ma è solo il preambolo per la prima rete rossazzurra del pomeriggio che arriverà solo qualche minuto più tardi, e precisamente al 41esimo, dove Lodi sblocca il match dal dischetto insaccando il pallone alla destra avversario per la grande gioia dei tanti tifosi presenti in tribuna.
Si chiude così la prima frazione di gioco con il Catania in vantaggio per 1-0. Nella ripresa mister Camplone decide di mescolare un po’ le carte in tavola mettendo in campo una formazione quasi totalmente rivoluzionata rispetto al primo tempo. Il modulo è sempre il fedelissimo 4-3-3 ma stavolta con qualcuno dei nuovi acquisti in campo: Pisseri; Biondi, Esposito, Noce, Pinto; Mazzarani, Welbeck, Dall’Oglio; Rossetti, Curiale, Catania.
Anche in questo caso gli etnei riprendono con grande convinzione, raddoppiando dopo soli 4 minuti grazie alla rete di Mazzarani, al suo secondo gol consecutivo in questo ritiro precampionato dopo la rete nel 6-1 al Marina di Ragusa la scorsa settimana: il gol arriva con una gran conclusione dal limite dell area di rigore che lascia letteralmente immobile il portiere del Licata. Il 3-0 arriva invece al 12esimo con il rientrante (dal prestito alla Sicula Leonzio) Mattia Rossetti: conclusione secca da dentro l’area di rigore. Al 20esimo il portiere del Licata è ancora impegnato e deve compiere un altro miracolo sulla conclusione a botta sicura ancora di Rosseti che si era presentato a tu per tu con lui in area dopo un contropiede rossazzurro.
4-0 che però non tarda ad arrivare e infatti poco più di dieci minuti dopo, è Curiale che dal dischetto realizza la rete che chiude definitivamente i conti del match e manda virtualmente le squadre negli spogliatoi a rinfrescarsi.
Nessun guizzo da una parte e dall’altra fino al triplice fischio del direttore di gara che mette fine ad un test nel complesso comunque positivo per Camplone e i suoi ragazzi.
Fra le note positive vanno segnalati i grandi fraseggi visti nel primo tempo da parte dei rossazzurri, soprattutto nella corsia destra targata Calapai-Sarno e nella zona centrale grazie ad un Lodi apparso già in ottima forma. Anche il Mazzarani visto nella ripresa è sembrato in grande spolvero sia per il bel gol che per diverse giocate di qualità. Non sono mancati infine alcuni parapiglia sia in campo fra i giocatori che a fine gara anche nelle panchine a dimostrazione del fatto che il match era sì amichevole ma nessuna delle due compagini voleva sfigurare.

Il Catania adesso è atteso al match di Coppa Italia in programma domenica sera contro il Fanfulla al “Massimino” dove finalmente, dopo ben due mesi di “astinenza” rivedremo i rossazzurri in campo in una gara ufficiale.

Marcello Mazzari e Ugo Zinna

Se ti è piaciuto, leggi anche:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Guarda le partite del Catania

Seguici su Twitter

Catania_Channel CAT-REN 1-0 – Le pagelle: Biondi concede il bis, Furlan salva il risultato https://t.co/2u3bjbaiUx
Catania_Channel Il silenzio della vittoria | Catanista https://t.co/eV8kduSpoc
Catania_Channel Rendi…amo grazie a Furlan | https://t.co/9V3MGUfcpi - Il Sito dei Tifosi del Calcio Catania https://t.co/DFTNxqKRnF
Follow Catania_Channel on Twitter