CATANIA, DALLA ROMA ALLA LUPA CASTELLI ROMANI

i_gruppi_della_sud_si_tesserano

19 Novembre 2006. Allo stadio Olimpico si gioca Roma-Catania. I rossazzurri, tornati nel calcio che conta dopo ben 23 anni, con 12.000 tifosi al seguito, escono sconfitti con un sonoro 7-0. Il colpo è duro e non immune da ferite, forse mai del tutto rimarginate. Eppure, nonostante tutto, almeno il 99% dei sostenitori etnei oggi metterebbe la firma per rivivere quei momenti. Quel Catania avrebbe trascorso 8 stagioni nella massima serie, condite da non poche soddisfazioni ottenute contro le big del campionato, tra cui proprio le capitoline Roma e Lazio.

Come non ricordare il gol di Maxi Lopez che nel febbraio del 2010 “purgava” i biancocelesti guidati da Davide Ballardini. Come dimenticare la prestazione maiuscola contro i giallorossi di Zeman alla prima giornata del campionato 2012-2013, con i rossazzurri fermati sul 2-2 solo allo scadere grazie ad una prodezza del neo entrato Nico Lopez.

Oggi, esattamente 9 anni dopo, ci si ritrova ancora una volta a dover affrontare una trasferta nei pressi della capitale. Ma, stavolta, l’avversario di turno non saranno i giallorossi di mister Garcia – tra l’altro per ironia della sorte reduci dalla disfatta in terra catalana – bensì la Lupa Castelli Romani. Il teatro designato non sarà lo stadio Olimpico, ma lo stadio Centro d’Italia-Manlio Scopigno di Rieti che, secondo lo previsioni, non accoglierà più di 100 spettatori a supporto della squadra di casa.

Come ci si è ridotti? E, soprattutto, a chi sono da attribuire le colpe di questo tracollo? Sono questi gli interrogativi che attanagliano la mente del tifoso rossazzurro. C’è chi ancora ad oggi non è in grado di trovare una spiegazione razionale. C’è chi, invece, non si esime dall’addossare le colpe ad una gestione malsana venutasi a creare in seguito all’ingresso in società dell’ex Ad Pablo Cosentino. E poi c’è Nino Pulvirenti; fino a qualche tempo fa “Ninuzzo”, oggi personaggio tutt’altro che gradito alla piazza per l’ormai nota inchiesta “I treni del gol”. Eppure, sabato 28 Novembre, in molti saranno ancora lì a supportare gli uomini in maglia rossazzurra nel difficile impegno contro la Lupa Castelli Romani. Allo stadio di Rieti saranno probabilmente in maggioranza. E, ancora una volta, si chiederanno perché si ritrovino in una realtà del genere. Col dovuto rispetto, intendiamoci.

Antonio Longo

Se ti è piaciuto, leggi anche:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Guarda le partite del Catania

Seguici su Twitter

Catania_Channel Gds – Curiale e Mazzarani in attacco per il Catania https://t.co/UkmElURhzx
Catania_Channel Catania, Biagianti in forse. Ritorno al 3-5-2 con Ripa-Curiale in avanti https://t.co/5jpQs9af6X
Catania_Channel Campione d’inverno. Catania e/o Trapani rovineranno la festa del Lecce? https://t.co/zYguBekMg5
Follow Catania_Channel on Twitter