REPLICA DI LO MONACO A PECORARO

lo_monaco
In riferimento alle recenti dichiarazioni del Procuratore della Federazione Italiana Giuoco Calcio Giuseppe Pecoraro, che ha manifestato meraviglia per il minuto di raccoglimento concesso dalla Lega Pro al Calcio Catania in occasione di Catania-Matera dello scorso 7 febbraio, definendo la relativa autorizzazione “un fatto grave”, l’Amministratore Delegato Pietro Lo Monaco osserva: “Il Procuratore Pecoraro interpreta la sua fondamentale funzione con grande originalità anche dal punto di vista mediatico, divenendo personaggio. Per noi, è un fatto non grave ma gravissimo e profondamente triste che il semplice esercizio di un diritto, cioè richiedere l’autorizzazione per un minuto di raccoglimento, sia ritenuto degno addirittura di una discussione in Commissione Antimafia, laddove ben altri problemi vengono analizzati. Quale misfatto avrebbe commesso la Lega Pro, concedendo l’autorizzazione a commemorare in modo composto e civile un uomo che per lunghi decenni è stato simbolo di passione sportiva? Le dichiarazioni del Procuratore Pecoraro, inoltre, sono polverizzate nel senso e nel significato dall’intervento del Segretario della Commissione Antimafia stessa, onorevole Angelo Attaguile, che ha definito così Ciccio Famoso: “Un super tifoso innamorato del nostro Catania che ho conosciuto durante la presidenza del club etneo, persona che dedicava tanto entusiasmo ai colori rossazzurri”. Non già, quindi, “un noto pregiudicato”, come affermato dal Procuratore ben lontano dalla nostra realtà, ma uno storico tifoso della squadra della sua città. Il Procuratore Pecoraro, in maniera alquanto maldestra, con le sue dichiarazioni lede profondamente la reputazione del nostro club, accomunando o almeno consentendo di accomunare episodi di ben altro spessore (oggetto d’attenzione per ipotesi di rapporti tra il mondo dello sport e la criminalità organizzata) all’esercizio di un nostro diritto: richiedere la concessione di un minuto di silenzio. Il Calcio Catania non ha infranto alcuna regola, ha richiesto di poter rendere omaggio ad una persona che ha speso la maggior parte della sua esistenza emozionandosi con il Catania e per il Catania. La Lega Italiana Calcio Professionistico ha concesso opportunamente tale autorizzazione, ritenendo con noi e come noi che i tifosi siano una parte imprescindibile della vita di una società di calcio. Il Calcio Catania ha sempre stigmatizzato con forza e combattuto la violenza negli stadi, isolando ed escludendo i violenti per accogliere invece chi, vivendo lo sport nel rispetto delle regole, diviene il cuore pulsante di un club. Non esiste società sportiva che non abbia la necessità di coltivare il rapporto con la sua gente. Al Procuratore Pecoraro, inoltre, consigliamo di documentarsi meglio: scoprirà, ad esempio, che migliaia di persone hanno partecipato ai funerali di Ciccio Famoso e che si è tenuto anche un corteo funebre allo stadio “Angelo Massimino”, presumiamo autorizzato dall’Autorità competente. Molto meno complessa, la sequenza del 7 febbraio allo stadio: un minuto di raccoglimento, un segno di lutto ed un’immagine sul maxischermo, simboli di commozione generale. Non tolleriamo strumentalizzazioni ed insinuazioni: giù le mani dal Catania, difenderemo in ogni sede e in ogni momento l’immagine della nostra società ed anche il buon diritto a non ritenere i tifosi, in quanto tali, cittadini di Serie B”.      
Fonte: calciocatania.it
Redazione Catania Channel

 

Se ti è piaciuto, leggi anche:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Guarda le partite del Catania