CATANIA, VITTORIA SALVEZZA: UNA BOCCATA D’OSSIGENO

FB_IMG_1491548621752

Mettendo in chiaro che questa vittoria nulla cambia in merito alle considerazioni delle ultime settimane, con i problemi cronici della squadra ancora irrisolti, per dirne uno l’incostanza atletica che non permette ai calciatori di esprimersi ad un livello accettabile per tutta la durata dei 90 minuti, è possibile che questi tre punti, che rappresentano una vera e propria boccata d’ossigeno dopo la caduta libera del mese di marzo, possano ridare un minimo di tranquillità ad un’ambiente ormai apparso terrorizzato dalla seppur remota possibilità di fare i play-out.

Con questo risultato il Catania è (quasi) salvo! Magra consolazione viste le legittime ambizioni di una piazza, la quale fino a poco tempo fa festeggiava vittorie prestigiose con il sogno di gareggiare anche in competizioni internazionali. Purtroppo la tifoseria etnea (la quale assomiglia più a uno sparuto numero di fedeli di una setta satanica più che a quell’armata che in Serie A tutti invidiavano e temevano) si ritrova a doversi rallegrare per una fortunosa vittoria per 1-0, con gli ospiti che nella ripresa hanno costretto i rossazzurri a non passare quasi mai il centrocampo e che sono stati fermati a cinque minuti dalla fine solo da una traversa benevola, con la dea bendata finalmente tornata ad aiutare questa squadra dopo una lunga assenza.

Ad aumentare i motivi per cui non si debba esagerare con l’ottimismo, oltre al ricordo delle tante occasioni in cui lo si è fatto a sproposito, si aggiunge l’infortunio di Bergamelli, ad oggi guida di una retroguardia già apparsa in grande confusione e che verrà anche privata del suo leader, il quale è ancora in attesa di esami che accertino l’entità del danno subito.

Insomma, nonostante il nono posto in classifica, valido per la partecipazione ai play-off, appare prioritario il recupero di una serenità maggiore che possa dare quella sicurezza che serve alla squadra per provare ad esprimere calcio, rispetto al raggiungimento di uno o due punti in più. Anche perché bisogna dirlo, dato il livello di gioco espresso finora dal Catania, andare o non andare a disputare i play-off è più o meno la stessa cosa.

(Fonte foto: calciocatania.it)

Claudio Maggio

Se ti è piaciuto, leggi anche:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Guarda le partite del Catania

Seguici su Twitter

Catania_Channel Il saluto di "Mbare Luka": "Grazie Catania, non vi dimenticherò mai" https://t.co/vPVjbBk2bu
Catania_Channel Argurio presenta il giovane Mujkic: "Un attaccante esterno molto promettente" https://t.co/75mjRaFVho
Catania_Channel La Sicilia – Catania, ceduti Bogdan e Tedeschi https://t.co/jVHmX78Q47
Follow Catania_Channel on Twitter