CATANIA-REGGINA: LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

dav

Ecco le parole dei protagonisti del match amichevole disputato questa sera al Massimino tra Catania e Reggina alle 20.30.

Sottil:“Non mi piace cercare alibi, ma non nascondo che un precampionato così non ha precedenti. Ancora al 7 di settembre, non solo non inizia la stagione, ma non si sa dove si giocherà. Il lavoro è complicato, soprattutto per la preparazione e 2 mesi di attesa sono logoranti anche a livello mentale. Le partite saranno tutte così con squadre chiuse che ripartono, dobbiamo abituarci. Il primo tempo non mi ha soddisfatto, il secondo è stato più dinamico. Abbiamo condotto la partita mantenendo gli avversari sempre nei pressi della loro area di rigore ma dobbiamo ancora migliorare. Brodic? Curiale ha avuto un problema muscolare , Marotta nella prima giornata sarà squalificato. Fran è un ragazzo che sta crescendo molto bene e sono sicuro darà il suo contributo. Lodi è un giocatore che può giocare in tutti i ruoli del centrocampo. Llama deve crescere fisicamente perché la posizione da esterno lo richiede. Può comunque anche lui ricoprire tutti i ruoli dietro la punta. Il problema dell’inizio del campionato è più un discorso mentale, è difficile gestire un periodo di vuoto con così tante amichevoli. La condizione fisica sta arrivando da parte di tutti, qualcuno è un pochino più indietro. Credo che la prossima settimana inizierà la stagione, sperando di poter giocare in serie B. Giocare per i 3 punti cambia tutto . 14 calci d’angolo? Abbiamo avuto predominio ma dobbiamo essere più spietati. Questo arriverà con il lavoro e sono sicuro che i nostri attaccanti si faranno trovare pronti. Manca la partita vera che completi la condizione, l’aspetto adrenalinico di un match è difficile da riprodurre in allenamento”.

Calapai:” Non sapere in che campionato giocare pesa dal punto di vista mentale. Nel secondo tempo abbiamo cambiato atteggiamento e per poco non ci portavamo sul 2-1. Io nasco terzino destro ma in caso di emergenza sono disposto a cambiare fascia”.

Silvestri :” Quello del ripescaggio non può essere un alibi, ma siamo tutti un po’ scombussolati. Il mister ha messo dei paletti importati fin dai primi giorni, obbligandoci a giocare palla da dietro. Dovevamo dare prova del duro lavoro fatto in settimana: peccato non esserci riusciti. In questa categoria è difficile giocare a terra la palla, specie se non si mette in campo la giusta cattiveria. La gara a fasi alterne di oggi in campionato non potremmo permettercela però credo che questa stagione ci sarà da divertirsi perché siamo forti. C’è tutto per far bene”.

Redazione Catania Channel

Se ti è piaciuto, leggi anche:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Guarda le partite del Catania