CATANIA: IL GOL CHE TI MANCA E TRE ASPETTI DA NON SOTTOVALUTARE

paolucci

Il “problema gol” del Catania non può ridursi ad un’appassionata e speranzosa attesa che questo momento sfortunato termini, piuttosto va analizzato su più fronti. Non bisogna, infatti, dimenticare che nel calcio è necessaria anche una buona dose di “fattore C”, ma è chiaro che la preparazione atletica, mentale e tattica possono sopperire a tale mancanza.

Il primo aspetto, quello atletico, è chiaramente quello che più ha danneggiato i rossazzurri nell’ultima partita. Paolucci, pur essendo limpidamente l’attaccante più forte della categoria, non segna da un mese circa a causa di un’infelice condizione atletica che lo porta a tirare il fiato dopo 60 minuti circa. Stesso discorso per Calil, a cui è stato comunque negato un gol regolare, che deve cambiare ritmo per giocare più lontano dalla porta come lui stesso desidera.

L’aspetto mentale, invece, è strettamente legato al reparto di centrocampo, specie al capitano Biagianti. I 7 punti di penalizzazione che hanno relegato il Catania all’ultimo posto in classifica di certo non aiutano i nuovi arrivati ed i più giovani del gruppo ad emergere. Posto questo, è chiaro che una partita difficile persa al 93′, dopo aver collezionato due pali, un gol annullato e 90 minuti di grande dispendio fisico, è un ulteriore ostacolo motivazionale a cui l’Elefante avrebbe potuto fare a meno. Nonostante ciò, se quell’ultima palla, piuttosto che dover essere inseguita da uno stremato Tino Parisi, fosse stata controllata e giocata dai centrocampisti, probabilmente staremmo oggi parlando di un risultato diverso. Sta alla linea mediana, dunque, dettare i tempi di gioco della partita, soprattutto in casa e contro avversari più deboli sulla carta.

Infine l’aspetto tattico. Il meno discusso fin oggi, ma certamente determinante nella partita contro l’Akragas. È parso palese come al mister Rigoli poco importasse di perdere un punto nell’ottica di conquistarne 3, ma sbilanciandosi troppo ha pagato con la pena calcisticamente più grande: la sconfitta. Una squadra senza bilanciamento a centrocampo non può costruire azioni pericolose, nonostante tutti gli attaccanti a disposizione siano in campo, ed è soggetta alle ripartenze degli avversari. Contestabile inoltre il cambio di Di Grazia: l’esterno rossazzurro era stato il migliore in campo, avrebbe potuto dare ancora qualcosa alla causa.

Carlo Maria Castiglione

Se ti è piaciuto, leggi anche:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Guarda le partite del Catania

Seguici su Twitter

Catania_Channel NewsCatania: mister Calori sempre vincente contro gli etnei https://t.co/i1DrkxQK7o
Catania_Channel Zanoncelli (ex Lecce): “Molto dipenderà da Catania-Trapani, ma sono fiducioso per i salentini” https://t.co/wYyeJrn3q9
Catania_Channel Precedenti: al “Massimino” Trapani mai vincente https://t.co/RWL6f9fCKf
Follow Catania_Channel on Twitter